Stampa
Categoria: Cosa abbiamo scoperto
Visite: 255

Un giorno, durante una passeggiata, ho visto una bellissima madonnina di bronzo inserita in una lapide lungo la strada che sale alla Sacra, poco prima (o poco dopo se si scende verso Avigliana) della frazione di San Pietro. La scritta era quasi illeggibile, si leggeva "1944... Nazisti... Grazia ricevuta" e basta. Ho provato a chiedere ai vecchi volontari e dipendenti che da anni lavorano qui ma nessuno mi ha saputo dire qualche cosa, anzi nessuno l'aveva mai vista.

Una signora in visita alla Sacra un giorno mi chiede se c'è ancora quella madonnina sulla strada dalle parti di San Pietro, le spiego com'era la lapide che avevo visto e lei mi dice che si tratta proprio di quella e che era stata posta dagli operai che avevano costruito la strada per ringraziare la Madonna che li aveva protetti dai nazisti durante la sua costruzione.
Chiedo a Gigi (...) e mi dice che dovrebbe essere la ditta Castagneri di Condove che aveva effettuato i lavori ma da una ricerca fatta da Emy non risultava nulla.

Con Giovanni in agosto siamo andati a fare un sopralluogo, l'abbiamo pulita e abbiamo scoperto questa scritta:

Qui
il 21 maggio 1944
gli abitanti di San Pietro
sfuggiti al saccheggio ed al
cannoneggiamento tedesco
della frazione
terrorizzati si rifugiavano
invocando la Vergine Maria
Riconoscenti
a tanta Madre
per la salvezza ottenuta
a perenne ricordo
posero

A questo punto si capisce che non erano gli operai ma gli abitanti di San Pietro e anche il motivo per cui era stata messa la lapide.

Valerio, che era qui per alcuni giorni, mi ha fatto notare che in quella data è avvenuta anche la strage alla Bonaria e quindi probabilmente i sanpietrini si riferivano a quella azione. Ma allora si tratta dei fatti raccontatici da don Romano e da monsignor Riboldi, quando i tedeschi li hanno minacciati di morte!

Cerco sul Sacra Informa e a pagina 2 del numero di settembre 2009 trovo l'articolo che parla proprio di quello.

Scoperto tutto.

Lunedì primo settembre Giovanni e Giuliano con i potenti mezzi messi a disposizione da padre Giuseppe hanno pulito la lapide e ora è possibile leggere.

A questo punto mi pongo una domanda. Come mai tutti gli anni ci sono celebrazioni alla Bonaria a ricordo dei caduti e non una celebrazione a ricordo dell'intervento della Madonna?
Sarà passato di moda?

Ginio

Articolo precedentemente pubblicato su Sacra Informa Dicembre 2014 (Anno 22 (21) n. 3)