Stampa
Categoria: Cosa abbiamo scoperto
Visite: 215

Le fasi che appaiono più significative per l'impianto, la crescita e l'affermazione dell'abbazia benedettina di San Michele della Chiusa possono essere così riassunte:

  1. la fase preromanica e ottoniana;
  2. la fase protoromanica;
  3. la fase del maturo romanico;
  4. la fase del primo gotico;
  5. la fase del gotico maturo.

La fase del gotico maturo

L'ultima grande fase medievale delle costruzioni della sacra è quella del gotico maturo che coincide con almeno una parte del grande monastero settentrionale, di cui oggi noi vediamo soltanto una parte ruderizzata, su cui voglio fare solamente queste considerazioni:

  1. l'unica immagine antica che ci resta prima della rovina è quella del Morello negli Avvenimenti sopra le Fortificazioni, della Reale: anche se il disegno risulta approssimativo esso reca una informazione fondamentale consistente nel fatto che in quest'area sarebbero sorte maniche di costruzione attorno a un cortile; nelle maniche di costruzione trovavano posto celle accessibili da lunghi corridoi.
  2. questa zona ruderizzata riunisce tracce di edificazioni di epoche differenti e in cui notiamo, al perimetro tracce di strutture romaniche e, tra i setti ruderizzati, tracce di edifici che vanno quanto meno dal XIV al XV secolo.

Pino Carità, Architetto
Sabato 20 Maggio 1995